• 1 Marzo 2021 11:16

Onorificenze: L’acrese Egidio Marchese è Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica

Dithis is acri

Dic 29, 2020

 924 total views,  1 views today

Il paratleta 52enne Egidio Marchese, Presidente della Disval Asd, società sportiva valdostana per persone con disabilità, è uno dei nuovi 36 eroi civici insigniti dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, con il riconoscimento di Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica.

Sulla sedia a rotelle dal gennaio 1997 per un incidente stradale, Marchese si avvicina allo sport da disabile e finisce a capo della squadra paralimpica di curling della Disval, che è riuscita ad avvicinare sempre più persone diversamente abili allo sport.

La Disval è gestita interamente da disabili e ha aperto in Valle la prima palestra inclusiva: attrezzata con macchinari a doppio uso, che si possono adattare anche alle persone con disabilità. Si tratta dell’unico centro in Italia che permette agli atleti disabili e normodotati di allenarsi insieme

Chi è Egidio Marchese


Nato ad Acri, nei primi anni Novanta si trasferisce in Valle d’Aosta per lavoro.
Nel gennaio del 1997 è vittima di un incidente stradale che lo costringe su una sedia a rotelle.
Si avvicina all’AVP, Associazione Valdostana Paraplegici, di cui oggi è rappresentante legale, che lo introduce nel mondo dello sport
per diversamente abili.
Con il curling per disabili partecipa alle Paralimpiadi di Torino nel 2006 e a quelle di Vancouver nel 2010.
La squadra paralimpica di curling, capitanata da Marchese, ha avuto un eetto di trascinamento: sempre più persone diversamente
abili si sono avvicinate allo sport e al ruolo di questo come occasione di inclusione sociale e strumento di sensibilizzazione sul tema
delle barriere architettoniche.
Egidio Marchese è oggi presidente della Disval Asd, società sportiva valdostana per persone con disabilità, gestita interamente da
Questo sito utilizza cookie di prolazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Disabilitando o cancellando i cookie di
questo sito o parte di essi il sito potrebbe non funzionare più correttamente. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito

Commenta con Facebook