• Sab. Lug 24th, 2021

Bravi ragazzi

Bythis is acri

Mag 13, 2021

 983 total views,  1 views today

di Franco Bifano

Capita anche a voi di trovare la casella di posta elettronica stracolma? La mia è intasata di pubblicità più di un programma di Maria De Filippi! Aprirla, a volte, è uno strazio. Mi tocca eleminare almeno 30/40 file “spazzatura”. Qualche giorno fa, mentre ero intento a fare “pulizia” tra la proposta di acquisto di un divano e la concessione di un mutuo a tassi fantasmagorici, trovo la mail del mio amico Angelo Canino. Strano! Raramente mi scrive, di solito mi chiama. Angelo è un poeta che ama il vernacolo. Ha scritto oltre duecento poesie, gran parte le ha raccolte e pubblicate in nove libri. Nel tempo ha vinto un numero enorme di premi e ricevuto attestazioni da quasi tutte le regioni d’Italia, isole comprese (per usare l’azzeccato slogan pubblicitario).

 Anche in questo anno complicato dal COVID la sua creatività non è mai venuta meno. Infatti, non solo ha vinto ulteriori concorsi di poesia, ma ha ricevuto anche un premio alla carriera e un altro per “alti meriti culturali”. Neanche il tempo di aprire il file, che me lo trovo al telefono. “Hai aperto la mail?” mi chiede subito. “Stavo giusto per farlo”, replico.  “ Cos’è, un nuovo premio?” Chiedo. “Si, è un premio, ma questa volta è per te.” risponde. Oh caspita! Dicono che la curiosità sia donna, se è così allora io mi trovo nel corpo sbagliato perché sono decisamente curioso. Apro il file e mi appare questa magnifica foto in bianco e nero. Non mi è nuova, ne conservo gelosamente una copia da molti anni. Ѐ stata scattata, non ricordo più da chi, nel cortile della scuola elementare di “Monachelle”. Siamo ragazzi di quarta elementare con la loro maestra. Le dinamiche della vita hanno fatto sì che crescendo molti seguissero il loro destino che li ha portati a vivere e realizzarsi professionalmente lontano.

Gino a Bologna, Antonio a Firenze, Filippo e Leonardo credo a Roma, “Ninnillo” in America, Giuseppe a Milano, Francesco F. a Cosenza, Elio tra Acri e Corigliano, Io, Italo, Ottone, Angelo M, Angelo C. e Francesco C. siamo rimasti qui. Aurelio e Francesco M. li abbiamo persi, purtroppo, troppo prematuramente. E poi c’è Lei, Ida Manieri. Maestra meravigliosa. Donna unica, speciale, elegante e raffinata. Capace di entrare in empatia con ognuno dei “suoi” ragazzi per tirarne fuori il meglio. Nel tempo ha seguito il percorso di tutti tenendosi costantemente informata. Per me nutriva delle aspettative, non lo ha mai nascosto. Quando la incontravo non perdeva occasione per dirmi che apprezzava i miei scritti e quello che facevo. Era sincera, lo è sempre stata.

 Angelo attraverso questi versi ha avuto la buona l’idea di “riavvicinare” quei ragazzi ormai adulti e con un vissuto alle spalle. Percorsi diversificati che, tuttavia, in molti casi non hanno impedito che quel “legame” che ci univa come compagni di scuola rimanesse negli anni ancora vivo anche a distanza. Questa poesia per me è un dono speciale per quel gruppo di ragazzini, oggi diventati uomini, ma rimasti comunque e sempre un manipolo di bravi ragazzi!

Alli scodi elementèari

U misu era settembri e ll’annu u sissantasetti,

ppe ll’età mia era llu primu jùarnu e scoda,

intra nu stanzunu, èramu in tuttu diciassetti

èramu tutti vestuti alla bona, tutti fori moda.

 

Nu nàstru azzurru attacchèatu allu sinèadu,

a borsa ccu llu dibbru e quaderni ppe lli scritti

alla copertina e du dibbru a nàscita e Natèadu

allu bancu assettèati, vrigognusi e ccitti.

 

Ida Manieri si chiamèava lla maestra nostra,

si un ti stèava attìantu, povarìallu tìa!

Quattr’o cincu bacchettèati alla mèana destra

e ttanni u telefonu azzurru ancora unn’esistìa!

 

Vodìa ca ni mparàvamu a ssèntari a storia,

a scrìvari i vochèadi ccu lli tabellini

mìanzu a nua c’era ncunu ccu cchiù memoria

e diu ppe ccopièari stèava ssempri lla bicinu.

 

Èramu spiglièati, na mantra e cùacci e gadera,

sempri a ffèari casinu i banchi banchi

quanni a maestra ppe nnu pocu un c’era

e quanni venìa èramu tutti sudèati e stanchi.

 

C’èrani Pino Curto ccu Mangano Italucciu,

Giuseppe De Bernardo ccu Franco Cofone

Gino Occhiuto ccu Capalbo Eliucciu,

Francesco Molinari ccu Martelli Ottone.

 

Falcone Francesco ccu Tripoli Tonino,

Perrone Aurelio ccu Filippo Pirillo

Franco Bifano ccu Leonardo Corino

e Angelo Montalto ccu Rosa Ninnillo.

 

Insomma, èramu na squèatra ccu lla panchina,

unu cchiù stùartu e d’èatru, vrinzuduni!

Si sarbèava sudu chi’avìa lla menti fina

tutti d’èatri ccu lla chèapa allu palluni.

 

Èrani anni tristi e cupi puru chill’anni,

tristi cumi chiss’e mò ma tristi diversamenti

si campèava cumi si potìa ccu tanti affanni

ma chjini e docaziona versu tutti i genti.

 

Tanni unn’era cum’e mmò, ccu llu progressu,

tanni bastèava nu pallunu ed era cuntìantu

e llu tìampu ccu lli jùarni passavani u stessu

e mmò cchilla scoda è fujuta cum’u vìantu

Commenta con Facebook

this is acri

This is Acri è un blog di informazione che raccoglie le principali notizie che interessano Acri e più in generale l'intero comprensorio. Per contattate la redazione thisisacri@gmail.com