CALCIO: Eccellenza, Acri – Isola Capo Rizzuto 0-0

ACRI: Puterio 6, Mancino 6, Luzzi 6, Petrassi 6, Levato 6, Sposato 6, Viteritti 5.5 (21′ st Fanigliulo 6), Caruso 6 (12′ st Pipieri 5.5), Petrone 6, Caputo 6, Stilo 5.5 (26′ st Visani 5.5). A disposiz: Algieri, Perri, Siciliano, F. Viteritti. All.: Pascuzzo

ISOLA C.R.: Lamberti 6, Ribecco 6, Avella 6, Viscomi 6, Deffo 6, Ferraro 5.5, Artese 5.5, Cava 5.5 (18′ st Ranieri 6), Covelli 5.5 (37’pt Ortolini 5.5), Marano 5.5 (29′ st Ganje sv), Le Piane 6. A disposiz.: Pulluano, De Luca, Morabito, Zumpano. All.: Mesiti

ARBITRO: Domenico Massaria di Vibo Valentia 5 (assistenti: Tino e Idà)

Ammoniti: Caruso, Sposato, Levato, Petrassi, Visani e Manicno (A), Avella, Robecco, Le Piane e Artese (I)

NOTE: Angoli: 5 a 1, recuperi: 2′ pt, 4′ st. Spettatori: 400 circa.

di Andreina Morrone – fonte Ottoetrenta.it

CRONACA – Una gara brutta e povera di grandi occasioni, due squadre poco propositive, chiuse e forse con troppa paura di perdere. Si potrebbe sintetizzare cosi Acri -Isola Capo Rizzuto, confronto fra due squadre con un gran bisogno di punti.

Dopo quindici minuti di stallo, ci prova per prima Acri a dare il suo alla partita. Cosi l’unica azione da brividi del primo tempo è un tiro da punizione di Caputo con il portiere Lamberti che smanaccia fuori di un soffio, mentre per l’Isola da registrare un tiro di Viscomi. La ripresa è una copia del primo tempo, squadre chiuse e sempre poco aggressive nei confronti dell’avversario, solo Viteritti nei minuti iniziali e Stilo per l’Acri si propongono in avanti ma non trovano lo specchio della ripresa. Nell’ultimo quarto d’ora timidi tentativi per cercare la palla del vantaggio. Al 33′ il guardalinee segnala una fuorigioco su una ribattuta in area di Petrone, mentre al 40′ Le Piane da calcio piazzato vine respinto dalla barriera avversaria. Nel recupero l’Acri chiude in avanti.

Per le due squadre rimane il rammarico di non aver portato a casa qualcosa in più del pareggio. L’Acri vista oggi è in evidente involuzione rispetto alla gara di Scalea, lo sa bene anche il tecnico Pascuzzo che a fine gara dichiara: “Siamo consapevoli di aver fatto un passo indietro dal punto di vista dell’intensità di gioco. Ma oggi almeno abbiamo guadagnato un punto. Ora abbiamo bisogno di ritrovare la tranquillità e una vittoria che dia morale e che muova la classifica. Speriamo di trovarla mercoledì.”.  Il tecnico dell’Isola Mesitigiustifica invece i suoi: “È stata una partita brutta, ma forse noi abbiamo avuto più occasioni dell’Acri. Per quanto ci riguarda ci portavamo dietro strascichi psicologici e fisici del recupero di mercoledì.  Gli avversari? Acri combattiva e organizzata, molto forte dal.punto di vista fisico e che a tratti esprime un buon calcio”.