Bisignano, niente autorizzazione per la Consuleco: il depuratore potrebbe essere ceduto

La Consuleco srl non potrà più esercitare la propria attività di smaltimento di reflui industriali nell’impianto di Bisignano di cui è proprietaria. Il Consiglio di Stato, con ordinanza pubblicata lo scorso 16 gennaio, ha definitivamente rigettato il ricorso con cui l’azienda contestava il mancato rinnovo, da parte del Dipartimento Ambiente della Regione Calabria, dell’AIA – Autorizzazione Integrata Ambientale.

L’inchiesta Arsenico

L’azienda era finita nel 2020 al centro di una inchiesta, denominata Arsenico, condotta dai carabinieri forestali. Attraverso campionamenti ed intercettazioni ambientali, i militari, sotto il coordinamento della Procura di Cosenza, avevano compilato un corposo dossier relativo ai presunti illeciti commessi con lo sversamento di residui non depurati nelle acque del fiume Mucone. La vicenda giudiziaria è in itinere con il dibattimento in corso davanti ai giudici del tribunale di Cosenza.

Ambientalisti vs lavoratori

Ma c’è un’altra partita in atto, quella che vede contrapposte le associazioni ambientaliste, determinate nel chiedere lo smantellamento dell’impianto collocato in un’area ritenuta a vocazione agricola, ed i sindacati che intendono al contrario tutelare i posti di lavoro. Una trentina gli operai rimasti privi anche degli ammortizzatori sociali i quali sostengono che dall’inchiesta giudiziaria emerga come l’inquinamento ambientale sia stato cagionato esclusivamente in maniera dolosa per moltiplicare i profitti, utilizzando una condotta abusiva con la quale veniva eluso il costoso processo di depurazione. Per cui l’impianto, uno dei pochi del genere del Sud Italia, se correttamente utilizzato sarebbe perfettamente in regola con la normativa vigente.

CONTINUA A LEGGERE SU LACNEWS24

this is acri

This is Acri è un blog di informazione che raccoglie le principali notizie che interessano Acri e più in generale l'intero comprensorio. Per contattate la redazione thisisacri@gmail.com