L’accozzaglia dei traditori

3,035 Visite totali, 2 visite odierne

di I CONSIGLIERI E LA GIUNTA
DELL’AMMINISTRAZIONE

I cittadini di Acri certamente sanno che la storia dell’umanità è fatta da corsi e ricorsi storici che fanno sì che gli eventi si ripetano con una cadenza temporale.
I traditori che la storia ricorda sono tanti ma qui vogliamo menzionare a titolo esemplificativo Bruto che nel 44 a.c. tradì Caio Giulio Cesare dopo che questi lo aveva nominato Prefetto, Giuda che da apostolo tradì Gesù Cristo facendolo crocefiggere, Cosimo FABBRICATORE che da ex Presidente del Consiglio comunale, ha firmato le proprie dimissioni unitamente ai consiglieri di minoranza per far decadere da Sindaco Nicola TENUTA e la sua maggioranza che nel 2013 aveva stravinto le elezioni amministrative ad ACRI.
Quest’ultimo “personaggio” dopo essere stato nominato Presidente del Consiglio Comunale di Acri dai consiglieri di maggioranza solamente per la sua anzianità anagrafica e non per altri meriti, è stato sfiduciato nel corso della consiliatura dalla minoranza consiliare per ben tre volte, sempre difeso e salvato dai consiglieri di maggioranza.
Il “traditore Fabbricatore” allorché nel mese di novembre 2016 ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Presidente del Consiglio dopo essere stato sfiduciato anche dalla Sua Maggioranza per la scarsa capacità a svolgere la funzione di Presidente, ha pensato bene di accordarsi con la minoranza per far decadere Nicola TENUTA dalla carica di Sindaco della città di ACRI democraticamente eletto dai cittadini.
Passando con l’opposizione “il traditore Fabbricatore” ha trovato altri due traditori del Sindaco TENUTA ovvero i consiglieri CAVALLOTTI e VITERITTI che già in precedenza avevano tradito Tenuta, senza il quale nessuno di questi tre “signori” avrebbe avuto i consensi per fare il consigliere comunale della città di Acri.
Insieme a questi “campioni di fedeltà” il traditore ha trovato anche il consigliere Pino CAPALBO, chiamato anche “Pino SCHETTINO” dall’ex Sindaco TREMATERRA in un pubblico comizio perché da capogruppo del PD in consiglio comunale tramava con le forze di minoranza per fare decadere il Sindaco del PD Elio COSCHIGNANO,.
Da tutto questo tradire si evince che corrisponde al vero il detto calabrese che così recita: “pari cerca pari e pari trova” ovvero che i traditori si cercano e si trovano.
Per il bene della città di ACRI ci auguriamo che nel futuro i cittadini si ricordino chi sono i traditori e si astengano dal dargli i loro consensi.

Lascia un commento

1
Ciao. Come posso esserti utile?
Powered by