Il nuovo modo di fare politica

Condividi l'articolo
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    5
    Shares

IL NUOVO MODO DI FARE POLITICA

di Meetup Acri in Movimento

Siamo orgogliosi, noi attivisti del Meetup “Acri in Movimento“ di avere gettato le basi per un nuovo modo di fare politica nel nostro territorio, quello di mettere il cittadino al centro della politica, rendendolo partecipe delle scelte, il cittadino che inizia ad interessarsi della cosa pubblica, a vigilare sull’attività amministrativa , il cittadino che inizia a denunciare e a portare avanti battaglie per riavere i propri diritti ormai calpestati. E‘ possibile fare politica anche fuori delle istituzioni.

Mercoledì 4 Aprile si è svolta la prima riunione in piazza organizzata dal Meetup, alla quale hanno partecipato gli attivisti del  Meetup di Bisignano, gli attivisti del Meetup di Luzzi, il portavoce del M5s al consiglio comunale di Luzzi, simpatizzanti del M5S, i cittadini che hanno voglia di partecipare e dare il proprio contributo.

Lo scopo è quello di confrontarsi pubblicamente in modo democratico, discutere e portare la propria opinione, su temi e problemi del nostro territorio. E‘ un modo per iniziare ad occuparsi in prima persona della cosa pubblica.

In questa prima riunione si è pensato di affrontare l‘annoso problema della pericolosità della ss 660, riteniamo che sia vergognoso, inaccettabile ed incivile che un comune di circa ventimila abitanti debba ancora soccombere ed avere l’unica arteria, che conduce i cittadini verso l’area urbana di Cosenza, verso l’autostrada, verso l’Università, in una situazioni di serio pericolo, vista la scivolosità del manto stradale.

Ritorneremo a riunirci in piazza per affrontare e confrontarci su altri temi che riguardano il nostro vivere quotidiano, ognuno di noi in prima persona deve dare il proprio piccolo contributo affinchè migliori la qualità della nostra vita e non dobbiamo lasciare che in pochi ce la distruggono in modo definitivo e senza scrupoli.

1,790 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento