I rigori condannano l’Acri. In finale di Coppa ci va il Cotronei

Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

CALCIO ACRI: Lamberti 6, Itri 6,5, Corsale 6,5, Mazza 6, Federico 5,5, Wajnszetein 5,5, Sposato 6, Bertini 6,5, Nesticò 6,5, Criniti 6, Petrone 6. In panchina: PalumboMancino, Perri, Martinez, Levato, Bisignano, Rose. Allenatore: Mancini

 

COTRONEI: Nicoletta 6, Miletta 5,5, De Martino 6, Arabia 6, Coluccio 6, Maione 6, Liperoti 6, Lorecchio 5,5, Russo 6,5, Colosimo 6, Mercuri 6. In panchina: Sestito, Procopio, Garofalo, Caterina, Bubba, Porpora. Allenatore: Morelli

 

ARBITRO: Sità di Catanzaro 5 (Assistenti: Condò di Taurianova e Celestino di Reggio Calabria 5,5 )

 

MARCATORI: 29’st Corsale (A), 33’st Russo rig (C) Sequenza rigori: Criniti (A, rete), Mercuri (C, rete), Nesticò (A, rete), De Martino (A, rete), Wajnsztejn (A, fuori), Colosimo (C, rete), Sposato (A, rete), Lorecchio (C, parato), Corsale (A, rete), Russo (C, rete), Itri (A, rete), Liperoti (A, rete), Mazza (A, fuori), Arabia (C, rete)

 

NOTE: Circa 300 spettatori.  Ammoniti: Lamberti e Itri (A), Nicoletta, Miletta e Colosimo (C) Espulsi: Al 32’ st Federico (A) per fallo. Angoli: 6-4  Rec: 0’pt; 3’st

Acri (CS) – E’ una finale storica quella che il Cotronei giocherà il prossimo 23 Dicembre. Accesso alla finale conquistata battendo l’Acri alla lotteria dei calci di rigore, dopo che i tempi regolamentari si sono conclusi con il risultato di 1 a 1, lo stesso dell’andata. Ma facciamo un po’ di ordine e passiamo alla cronaca della partita. Mancini manda subito in campo i tre nuovi arrivati in casa rossonera (Lamberti, Wajnsztesjn e Corsale), per gli ospiti invece Morelli si affida a Russo in attacco supportato da Colosimo e Mercuri. La prima conclusione porta la firma di Criniti, il tiro del numero 77 acrese finisce alto (10’). Al 14’ ci prova Corsale ma anche in questo caso il pallone termina al di sopra della traversa.Il Cotronei si spinge in avanti al 30’ con De Martino che va al tiro: conclusione di poco fuori. Al 32’ bell’azione di Federico sulla destra: l’under acrese serve in mezzo Corsale che potrebbe concludere ma preferisce passare il pallone a Criniti, l’argentino vede e serve Sposato che tira alto. Nel secondo tempo il Cotronei si rende pericoloso al 8’ con Russo che da calcio di punizione colpisce la traversa. Dopo due occasioni per i padroni di casa con Corsale e Petrone arriva il gol del vantaggio con Corsale che trasforma un calcio di punizione (29’). Il vantaggio acrese dura appena 4 minuti. Al 32’ Federico commette un fallo in area, l’arbitro concede il calcio di rigore ed espelle il calciatore dell’Acri. Dal dischetto Russo pareggia. Nel finale l’Acri ha l’occasione per riportarsi in vantaggio con Sposato ma il centrocampista acrese finisce a terra al momento della conclusione in piena area di rigore, per l’arbitro non è fallo tra le proteste veementi della panchina acrese. Ai rigori sono decisivi gli errori di Wajnsztejn e Mazza. Cotronei in finale, per l’Acri invece sfuma uno dei principali obiettivi stagionali.

INTERVISTE – Al termine della partita i due allenatori sono ovviamente con il morale contrapposto. Mancini è scuro in volto e polemico soprattutto con la terna arbitrale: << Sono molto amareggiato – afferma – non è giusto che pe colpa di gente incapace vengano scombussolati i piani di chi lavora quotidianamente. Non parlo di malafede, me ne guarderei bene, ma si incapacità>>. L’allenatore dell’Acri recrimina per alcune decisioni prese dal direttore di gara, soprattutto nei minuti finali del match: << Non penso che Sposato sia pazzo a buttarsi in area ad un metro dalla linea di porta – ci dice – il calcione che ha ricevuto si è sentito dalla panchina ma l’arbitro non l’ha visto>>. E poi: << Voglio comunque fare i complimenti al Cotronei – ci dice – ci hanno creduto ed hanno vinto>>. Raggiante e quasi commosso invece mister Morelli: << Sono felice per questo traguardo – afferma – onestamente non avrei mai pensato di poter raggiungere una finale di Coppa, questo è merito di questo straordinario gruppo che si è creato>>: Ed ancora: << Sono felice per i ragazzi e per la società>>. Morelli poi si rivolge ai tifosi dell’Acri : << Mi spiace per l’Acri e per i suoi tifosi, qui ho tanti amici e faccio ad Acri sportiva i migliori auguri per il proseguo della stagione>>

Francesco Roberto Spina – Il Quotidiano del Sud

795 Visite totali, 5 visite odierne

Lascia un commento