“Discover Museums” per scoprire il patrimonio culturale della Calabria aspettando la Notte dei Ricercatori 2018

Condividi l'articolo
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

All’insegna della scoperta e della valorizzazione dei tesori museali della Calabria il prologo della tanto attesa Notte dei Ricercatori 2018 – “SuperScienceMe – REseArCH in your REACH”, quest’anno annoverata tra i progetti ufficialmente riconosciuti dall’Unione Europea. Il grande evento scientifico che quest’anno coinvolge tutti gli atenei calabresi, la Regione Calabria, il CNR sarà preceduto, infatti, da “Discover Museums”, pre-evento, del2 settembre al quale l’amministrazione comunale di Acri ha aderito sin da subito. I musei aderenti alla Notte dei Ricercatori (elencati in calce) coinvolgeranno, attraverso un ricco programma di attività, i visitatori in un affascinante percorso di conoscenza delle loro meraviglie storiche, culturali e artistiche.
Discover Museums è stato pensato proprio per celebrare l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale e la Calabria possiede così tante risorse culturali da poter rispondere straordinariamente all’appello dell’Europa.
L’evento si dipanerà lungo tutta la giornata, con orari specifici per ogni museo, e all’interno di tutti i relativi programmi è prevista la proiezione di un video promozionale del patrimonio culturale calabrese appositamente realizzato.
E dopo il viaggio culturale di “Discover Museums”, come ormai da quattro anni, l’appuntamento con la Notte dei Ricercatori è per l’ultimo venerdì di settembre, ovvero il 28. E quest’anno oltre all’Università della Calabria, che è l’ideatrice del format calabrese dell’evento scientifico, la Notte dei Ricercatori si svolgerà anche negli atenei di Catanzaro e Reggio Calabria, in collaborazione con molti istituti del CNR e in sinergia con il Dipartimento Programmazione Nazionale e Comunitaria della Regione Calabria e FinCalabra.

Elenco musei accreditati:
• Polo Museale Calabrese (musei “Vincenzo Laviola” di Amendolara, della Sibaritide, “Vito Capialbi” di Vibo Valentia, di Crotone, di Capo Colonna, di Scolacium a Roccelletta di Borgia, di Locri, dell’antica Kaulon, di Le Castella, la Cattolica, Chiesa di San Francesco d’Assisi, Galleria Nazionale di Cosenza, di Mileto);
• Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria
• Teca Aperta di RAI Calabria a Cosenza (per prenotare questa visita scrivere all’indirizzo segrdircs@rai.it)
• Polo museale dell’Università della Calabria (musei di Paleontologia, Storia Naturale e Orto Botanico, Zoologia e RiMuesum)
• Musei del Comune di Acri (Arte Contemporanea, Arte e Civiltà Contadina, dei Funghi,flora e dei licheni)
• Museo Interattivo di Archeologia Informatica (MIAI) dell’associazione Verde Binario di Rende/Cosenza
• Museo del Comune di Cosenza (Brettii ed Enotri, all’Aperto Bilotti, BoCS Art)
• Museo Diocesano di Reggio Calabria
• Museo della Liquirizia Amarelli di Rossano
• Museo Multimediale Cosentia Itinera – Fondazione Giuliani di Cosenza
• Museo del Presente di Rende
• Museo di Storia dell’Agricoltura e della Pastorizia (MUSAP) di Morano Calabro
• Museo civico di Taverna

L’amministrazione di Acri ha coinvolto anche i musei di Sant’Angelo, Beato Francesco Maria Greco e la biblioteca della Fondazione “V. Padula”: “DISCOVERACRI”
UN VIAGGIO TRA ARTE ,CULTURA E MUSICA.

 

 

1,247 Visite totali, 5 visite odierne

Lascia un commento