CALCIO: L’Acri cade ancora, l’Olympic Rossanese vince 2-0. Le soluzioni dal mercato

1,294 Visite totali, 1 visite odierne

CALCIO ACRI 0 OLYMPIC ROSSANESE 2

CALCIO ACRI: Agliuzza 5, Milordo 5,5,(18’st Rose (’00) 5,5), Martinez 6, Perna 6, Perri 6, D’Amico 5,5, Calomino 6 (32’ st Sylla sv), Cianciaruso 6, Meta 5, Scalese 6, Kabangu 5. In panchina: Gencarelli, Servidio, Gradilone, Ferraro, Mauro, Servino, Conforti. Allenatore: Andreoli
O.ROSSANESE: Ramunno 6, Curatelo 6, Granata 6, Mirabelli 6, Sposato 6, Margiotta 5,5, Alfano 6, Manfredi 6, Bellitta 7 (35’st Morfò sv), Tramontana 6,5, Bongiorno 6 (20’st Salandria 6). In panchina:Volpe, Longo, Algieri, Attadia, Tedesco. Allenatore: Pascuzzo
MARCATORI:30’pt Bellitta, 28’st Tramontana
ARBITRO: Cortale di Locri 5,5 (Varano e Panetta 5,5)
NOTE: Circa 400 spettatori. Ammoniti: Calomino (A), Sposato e Curatelo (S)Angoli: 3-5. Rec. 2’, 5’

di Francesco Roberto SPINA – fonte Quotidiano del sud 

Acri – Niente da fare per i rossoneri: la tanto attesa prima vittoria non riesce proprio ad arrivare, anzi, per la squadra allenata da Andreoli arriva l’ottava sconfitta stagionale, che “vale” l’ultimo posto in solitario, dato il contemporaneo pareggio del Cutro. Per l’Olympic Rossanese arrivano invece tre punti importanti che permettono alla squadra di mister Pascuzzo di non perdere terreno dal duo di testa, anzi, i rossoblù approfittano del pari tra Reggiomediterranea e Corigliano per rosicchiare due punti, che alla lunga potrebbero servire per disputare i playoff. Pascuzzo (acrese doc) esce dal “Pasquale Castrovillari” con i tre punti: per lui “un’emozione particolare – come dichiarato al termine dell’incontro – e la strana sensazione di occupare per la prima volta da ex lo spogliatoio ospite”. La cronaca della partita inizia dal 3’ minuto: i rossoneri sono inizialmente propositivi in avanti e con Perna vanno alla conclusione dagli sviluppi di un corner. Al 15’ Agliuzza raccoglie con le mani un retropassaggio di un compagno: l’arbitro concede alla Rossanese un calcio di punizione in area. L’occasione degli “elefantini” viene sprecata però da Margiotta che calcia alto. Gli ospiti sono nuovamente pericolosi un minuto più tardi con Sposato di testa: Algliuzza para comodamente. Al 23’ i rossoneri si fanno vedere in fase offensiva: Perna va alla conclusione dalla distanza che termina fuori.

 

Il gol degli ospiti arriva alla mezzora. Milordo perde palla sulla destra, complice il terrendo di gioco reso viscido dalla pioggia: Bongiorno mette in mezzo un pallone che arriva tra i piedi di Bellitta che realizza con un piatto destro chirurgico. Squadre a riposo con gli ospiti in vantaggio. Nella seconda frazione di gioco aumenta l’intensità della pioggia che rende ancora più instabile il terreno, tutto a discapito dello spettacolo. L’Acri ci prova con un’azione personale di Scalese: il tiro finisce di poco a lato. Al 22’ è invece Kabangu a cercare di impensierire Ramunno: ma il tiro dell’attaccante congolese termina ampiamente alto. Al 28’ l’Olympic raddoppia e mette sostanzialmente la pietra tombale all’incontro: azione di contropiede dei rossoblù che viene finalizzata nel migliore dei modi da Tramontana. A questo punto i minuti finali hanno davvero poco da dire: i rossoneri sono sulle gambe, l’Olympic controlla e prova a pungere ulteriormente con le ripartenze. Al fischio finale può esplodere la gioia dei circa 40 sostenitori ospiti: per l’Acri, invece, la necessità di potenziare la rosa. A breve attesi dei nuovi arrivi ed alcune partenze.

Lascia un commento

1
Ciao. Come posso esserti utile?
Powered by