ACRI: Merola, il Comune non mi ha Ancora Pagato

Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Valerio Merola, a distanza di qualche settimana, risponde, da un sito locale, alle critiche degli attuali amministratori alle edizioni di Acrinscena di cui il noto presentatore è stato direttore artistico.
“Anche il più critico detrattore – scrive Merola – deve riconoscere l’obiettivo successo in termini di partecipazione del pubblico e introiti comunali degli eventi da me personalmente ideati e curati per conto della città di Acri. I personaggi del mondo dello spettacolo e i programmi messi in scena, pur non raggiungendo magari le “vette davvero alte di arte e cultura” hanno garantito ad Acrinscena una risonanza a livello nazionale, tanto da meritare menzione anche nelle pagine del settimanale Panorama”.
Quanto alla cifra di 40 mila euro “riconosciutami come corrispettivo per l’incarico affidatomi in assoluta trasparenza e nel pieno rispetto della legge, come stabilito anche da un giudice civile, essa altro non è che l’adeguato compenso per le attività svolte con riconosciuto successo.
Compenso che, ahimè, a oggi non mi è stato ancora corrisposto, nonostante il provvedimento del giudice, cui hanno fatto seguito non uno, bensì due tentativi di pignoramento presso le casse del Comune di Acri.
Azioni rivelatesi, purtroppo, inefficaci a causa della totale mancanza di fondi.
Ciò – conclude Valerio Merola -, a logica, dovrebbe comportare almeno il rispetto per il mio operato da parte dell’amministrazione comunale, che dovrebbe evitare di insultarmi e di sbandierare somme mai pagate al solo fine di strumentalizzare la mia persona e il mio operato in lotte a me del tutto estranee. Mi auguro, per l’affetto che mi lega alla città di Acri e ai suoi cittadini, che il Comune, invece di insultarmi abbia il buon gusto di tenere finalmente fede ai suoi impegni, evitandomi il ricorso ad ulteriori azioni legali, che rischierebbero peraltro di aggiungere al già esistente danno la beffa di un ulteriore esborso economico per la semplice tutela dei miei diritti”.

Piero Cirino
Da “Il Quotidiano del Sud” del 07-09-2014.

2,056 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

1
Ciao. Come posso esserti utile?
Powered by